Squadre sul campo: sopralluogo al la Chiesa di San Vito Martire

October 25, 2016  
Filed under Blog Squadra sul campo, Strutture

Le seguenti foto sono state scattate dall’Ing. Francesco Graziotti, Ing. Ilaria Senaldi e Ing. Daniele Perrone, rappresentanti di Eucentre.

Data:                                      20/10/16

Categoria:                              Chiesa parrocchiale

Denominazione Bene:           Chiesa di San Vito Martire

Tipologia Strutturale:            Muratura non armata

Comune/i-Area:                     Monte Vidon Corrado (FM)

Distanza epicentrale:            [51 km]

 

Tipologia di danneggiamento

La struttura, edificata nel XVII secolo, è il principale luogo di culto di Monte Vidon Corrado (FM). La chiesa è costituita da una navata centrale con 6 cappelle laterali e da un’abside. La volta della navata centrale è costituita da una cappa in c.a. mentre le cappelle laterali presentano diverse tecnologie a seconda del periodo di edificazione: muratura di mattoni (più antica), cannucciato, e lateriazio forato (più moderna). Il tetto della navata centrale è in laterocemento con catene contrastanti la spinta orizzontale. Le cappelle laterali hanno tetto in legno, in particolare il tetto di quelle sul lato Nord-Ovest è molto recente (2016).

Il danneggiamento più preoccupante risulta essere quello della cella campanaria (sulla sommità di un campanile costituito da muratura di mattoni e pietra sbozzata), che presenta gravi lesioni in uno dei maschi murari, con possibile espulsione di materiale che potrebbe comprometterne la stabilità (richiesto cerchiaggio urgente).

L’interno della chiesa non presenta danni alla volta e tetto in c.a. che però, con il loro peso, hanno contribuito ad aumentare la domanda di spostamento sismica. Le fasce della navata centrale risultano tutte danneggiate, alcune in modo considerevole. I maschi non presentano un quadro fessurativo preoccupante.

Una cappella, in particolare la più antica in muratura di mattoni sullo spigolo sud/est, presenta un quadro di danneggiamento pregresso ed esteso (aggravato dall’evento sismico). Il rischio è alto soprattutto per il peso considerevole degli stucchi (databili XVII secolo). Le opere d’arte all’interno della cappella verranno rimosse e la cappella centinata.

Vista esterna della chiesa

Vista esterna della chiesa

Pianta dell'edificio

Pianta dell’edificio

Danno alla cella campanaria

Danno alla cella campanaria

Danni all’interno della cappella sud/est

Danni all’interno della cappella sud/est

1-capp-dx-3

Danni all’interno della cappella sud/est

Danni ad una fascia muraria

Danni ad una fascia muraria

Tetto in laterocemento

Tetto in laterocemento

Comments

Feel free to leave a comment...





*