Cos’è un Clearinghouse?


La capacità di generare osservazioni con rapidità e accuratezza a seguito di una calamità è stata riconosciuta come principale criticità nella gestione delle attività di risposta all’emergenza sul breve periodo e nella comprensione dei rischi relativi a eventi naturali sul lungo periodo. Missioni di ispezione a seguito di tsunami e eventi sismici rappresentano un chiaro segnale dell’attiva partecipazione nell’ambito dell’Ingegneria Sismica e della Gestione di Emergenze post-calamità. Un “clearinghouse” è un punto di smistamento di tutti questi dati e osservazioni.

Nel 1973, l’EERI (Earthquake Engineering Research Institute) diede il via al programma “Learning from Earthquakes” (LFE). Tale protocollo, finanziato da U.S. National Science Foundation, invia in sito squadre ispettive di ricercatori in più ambiti (i.e., geologi e sismologi, ingegneri, sociologi) al fine di investigare e direttamente apprendere dagli effetti di tsunami e terremoti. Le squadre ispettive si prefiggono l’obiettivo di una rapida e generale indagine della zona investita dall’evento, documentando le iniziali osservazioni post-evento (tsunami e/o terremoto) e valutando la necessità di ulteriori e più approfondite indagini.

Per il terremoto di Amatrice, l’EERI non ha inviato un team sul campo, ma sta lavorando in stretta collaborazione con EUCENTRE (European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering – Pavia), per creare questo clearinghouse. EUCENTRE ha sviluppato un laboratorio mobile, grazie all’impegno in progetti europei di ricerca, STEP (Strategies and Tools for Early Post Earthquake Assessment) e DRHOUSE (Development of Highly-specialised Operative Units for Structural Evaluation), che è fornito di attrezzature sperimentali tecnologicamente avanzate, per la valutazione di sistemi strutturali e infrastrutturali strategici. EUCENTRE sta lavorando a stretto contatto con la Regione Emilia-Romagna e il Dipartimento Italiano di Protezione Civile, al fine di classificare dati circa edifici danneggiati a causa del Terremoto in Emilia, utilizzando il laboratorio mobile.

Il sito mostrerà osservazioni sintetiche pervenute da ogni squadra ispettiva in sito, così come i link ai siti gestiti dalle organizzazioni citate, nei quali è possibile trovare informazioni più dettagliate.